The Endless River – Italian 3


The Endless River

Dedica :
La musica e le emozioni profonde e vere mischiandosi formano il fiume infinito della nostra vita che abbraccia la nostra esistenza diventando l’arcobaleno infinito dei nostri sogni.

Il fiume scorreva in silenzio , l’acqua chiara e mossa che quasi accarezzava le grandi pietre del suo letto .
Nello scorrere il fiume sembra pieno di ricordi , di presente e di sogni futuri.
Un gatto speciale di nome Astro si stava specchiando nel fiume perché era uno dei suoi giochi , a ogni cambio di onda pensava di sparire nel fiume e con la zampa cercava di rimanere , che buffo Astro e questo era uno dei suoi giochi che ripeteva da tanto tempo , ma la cosa più strana è che si meravigliava ogni volta.
Da lontano sentì una voce lontana che chiedeva aiuto.
Era una voce gentile che sembrava venire dall’acqua , Astro andò verso quella voce , pensava di poter aiutare qualcuno in difficoltà e giunse nel punto esatto dove la voce traspariva dall’acqua e si percepiva forte e definita.
Ad un certo punto lo sguardo verso l’acqua dove stava nascendo un mulinello d’acqua e dall’acqua stessa uscì un uomo dal mantello nero che consegnò una ampolla , la figura chiese di aprirla per aiutare tutto il mondo.
Astro che era un gatto molto intelligente ma anche curioso l’aprì e l’uomo dal mantello nero rise con una risata molto perfida e malvagia e disse , colui che con mano dolce aprirà l’ampolla magica fermerà il fiume infinito e il tempo sarà infinito e finalmente mio !!!!!!
E così l’ampolla assorbì con un piccolo raggio di luce l’ingranaggio del fiume e sparì nel gorgo con l’uomo dal mantello nero.
In quel momento il fiume rimase quasi fermo , come sospeso, ma cosa era successo ?
Un fatto triste , il fiume infinito era come congelato e non poteva scorrere e se non poteva scorrere il tempo praticamente si era fermato come cristallizzato.
Il fiume era garanzia del passato del presente e del futuro, ma in questo modo era solo presente.
Astro si rese conto del pasticcio che aveva combinato però non poteva pensare che era la sua azione che poteva influenzare in quel modo il fiume infinito.
I gatti però nella loro curiosità hanno un grande dono , quello di non demoralizzarsi mai , così Astro si rese conto che l’unico modo per ritornare tutto come prima era quello di ritrovare l’ingranaggio del fiume , ma come ?
E con questo dubbio e con la consapevolezza di aver combinato un bel disastro , Astro guardò il cielo e le sue stelle per avere una intuizione senza fortuna , poi quella sera si addormentò mentre la luna con i suoi raggi e la sua luce illuminava il suo corpo e i suoi sogni.
Astro si svegliò come ogni mattina , ma scoprì presto che non era mattina , ma ancora notte e questo era prevedibile , il fiume infinito non scorreva più quindi non c’era più l’alternanza della notte e del giorno e Astro decise di fare qualcosa di buono.
Astro che aveva un piccolo veicolo spaziale , pensò bene di andare a trovare un esperto di magia nel pianeta della fantasia , ma per trovare il Mago che riusciva manipolare il tempo chiamato il mago delle ore felici , doveva fare un viaggio molto pericoloso oltre la luna dove c’era un buco nello spazio e oltre questa lacerazione dello spazio poteva trovare il pianeta della fantasia.
Prese quindi il suo veicolo , salutò la sua amata terra con la promessa di ritornare con una soluzione per la sua terra.
Con lui partì anche il suo fedelissimo cagnolino di nome Chicco , grazioso e aveva una grande qualità essere davvero il più grande amico di Astro , e anche un cagnolino molto preciso , ordinato e molto realista.
Chicco avendo saputo dell’accaduto non ebbe timore di partire con Astro.
Il futuro del mondo era legato a loro.
E quindi via verso la luna , il viaggio era molto bello perché Astro ha avuto l’ingegno di costruire lui il suo veicolo spaziale era come essere in una bolla trasparente , o forse era davvero una bolla ?
Non so però era tutta trasparente e si aveva proprio la sensazione di galleggiare nel cielo , una bella sensazione , Chicco si era posizionato in fondo perché sapeva che quando era al comando Astro piaceva svolazzare facendo le capriole nel cielo e quindi sapeva come fare .
La sensazione di volare è quella sensazione di felicità che per un istante riusciamo a percepire dove conta soltanto seguire il fluttuare del vento del cielo e delle sensazioni .
Astro era felice di questo , ma aveva un compito importante , e quindi via verso la luna .
Voi non sapete , ma vicino la luna ci sono degli anelli molto fini , quasi trasparenti dove si possono esprimere dei desideri , si chiamano i cerchi della fortuna , così una volta passati lentamente , perché non si può scuotere molto i sogni e i desideri , Astro espresse il suo desiderio .
Vi state chiedendo cosa avesse pensato ? ah io non lo so , chissà forse Astro alla fine lo dirà , ma non ne siamo certi.
Ed ecco siamo molto vicini alla luna e come fare per passare oltre , bisogna girare intorno ?
No Astro passa direttamente passando dentro la luna , proprio in mezzo c’è una apertura invisibile quasi come un tunnel che porta dall’altra parte della luna ed è azionata dal pensiero , quindi Astro li vicino fece aprire la porta e via nel tunnel fino ad uscire dall’altra parte .
Eccoci oltre la luna , ora la parte più difficile era trovare la zona invisibile dove c’era la lacerazione dello spazio e dove si trovava il pianeta della fantasia.
Ma come fare per trovare il buco per arrivare al pianeta , Astro rimase a riflettere con Chicco , passarono ore in orbita alla luna per pensare ed avere una idea , poi ad un certo punto un lampo di luce colpì Astro , grande sorriso di Astro aveva forse trovato un modo.
Prese i suoi biscotti preferiti , li sbriciolò prese la sua fionda e via nello spazio , chicco guardò il suo amico con stupore , le briciole di biscotto di Astro a contatto con lo spazio si trasformarono in palline rosse colorate , bastava seguire la traiettoria.
Evviva ecco , vide un punto in cui le palline rosse si perdevano, ecco la strada era proprio quella.
Subito una virata del veicolo spaziale verso quell’area , e più ci si avvicinava , più si vedeva lo scuro del buco nello spazio, di un nero veramente cupo , fino a che il veicolo di Astro venne attirato da quello squarcio di spazio , Chicco si teneva molto forte ci fu una brusca accelerata , dopo qualche secondo , un tonfo ed eccoci dentro lo spazio della fantasia , il cielo è dl colore dell’arcobaleno e cambia continuamente colori a secondo della densità della materia che viene circondato , la scia del veicolo che spostava in modo dolce le particelle dello spazio fece un a striscia blu che seguiva lo stesso veicolo , mentre lo spazio attorno cambiava dal verde , rosso , arancio e bianco.
Astro era quasi arrivato a destinazione con il suo fedele amico Chicco , videro da lontano un pianeta e decisero di scendere , doveva essere il pianeta della fantasia.
Astro che era molto deciso nelle sue azioni decise di scendere , si avvicinarono al pianeta e con una virata da maestro scesero dolcemente sul pianeta.
Analizzarono l’atmosfera e con stupore videro che potevano respirare , quindi con coraggio scesero dalla scaletta , prima Chicco e poi Astro.
Videro un cartello sopra una pietra , c’era scritto :
“Benvenuti nel pianeta della fantasia , qui ogni cosa è speciale e nulla è impossibile , la logica non esiste , ma solo la fantasia e la genialità governa le cose”
Astro che aveva bisogno di un miracolo per il danno cui si credeva responsabile , capì che forse era arrivato nel luogo giusto, e quindi prese coraggio e seguì un sentiero fino a varcare l’enorme portone del pianeta della fantasia , che non era fatto di ferro o legno , ma di bolle d’aria tutte vicine e trasparenti , ma ora che era nel pianeta della fantasia come poteva trovare il mago delle ore felici ?
Astro si fermò a pensare un po’ con il suo fedele amico , ma nessuna idea , finche in cielo vide un fenicottero rosa , maestoso , e con un volo molto bello , lo seguì con lo sguardo , poi ne passò un altro e poi un altro ancora sempre nella stessa direzione.
Seguite il ragionamento di Astro , fulminato da questa idea , i fenicotteri cercano il calore , e quindi se volano andranno di sicuro nella casa della luce , e la casa della luce è dove probabilmente il tempo viene regolato e se da li viene regolato chi potrebbe farlo se non il mago delle ore felici ?
Tante volte le sensazioni possono essere giuste o sbagliate , ma in questo caso siamo nel pianeta della fantasia dove tutto è possibile , ecco quindi che quella intuizione poteva essere giusta , forse in fondo la materia poteva essere manipolata dai pensieri , non ne sono certo ma forse questa era la regola che governa e tiene in equilibrio il pianeta della fantasia.
E quindi Astro e Chicco subito si misero sulle tracce dei fenicotteri , però era davvero molto dura seguirli il loro volo era comunque veloce , altra intuizione di Astro , pensò intensamente ad una bicicletta , e da li a poco comparve la bicicletta , caricò Chicco sul cestino davanti , e via dietro i fenicotteri.
Astro aveva iniziato a capire come girava il mondo della fantasia ecco perché di questa idea , anzi questa buona idea.
I fenicotteri erano delle decine e seguivano una scia che andava tra due monti , forse dietro c’era una vallata .
Astro era stanco , non ce la faceva più dal pedalare , però doveva resistere , ma era davvero dura , finche un fenicottero rosa rallentò e si fermò davanti a lui .
Gli altri ora mai erano lontani ma il fenicottero rosa davanti al sentiero bloccava la strada e Astro si fermò
Il Fenicottero prese la parola , riposati Astro , io sono pronto a condurti dove la tua fantasia vuole andare .
Ma tu chi sei ? sono soltanto la tua estensione dei sogni e ti sto’ aspettando perché hai necessità di arrivare alla tua meta .
Astro rimase di sasso , ma tu parli la mia lingua ?
Miei lettori avete mai visto un fenicottero rosa ridere di gusto , deve stare molto attento perché le ali sono molto lunghe e se le agita sono problemi.
Il fenicottero , disse Astro devi seguirmi , posso portarti dove tu desideri.
Astro riprese subito , portami dal mago delle ore felici , ho bisogno del suo aiuto ho combinato un grande pasticcio , il fenicottero , aprì le sue enormi ali , forza salite , e astro era titubante , ma come puoi portarci tutti e due .
Astro sei nel paese della fantasia e io sono il fenicottero rosa dei sogni inespressi , io posso davvero tutto !!!
Va bene fenicottero , Astro prese coraggio salì sopra il fenicottero e anche Chicco , tenetevi molto forte , e via verso il cielo .
Incredibile Astro e Chicco stavano volando sopra il fenicottero che stava volando in modo maestoso verso la meta.
Il volo del fenicottero era talmente bello che tutti gli animali del pianeta della fantasia , si fermarono per vedere questa meraviglia del cielo , il Fenicottero sapeva di essere guardato e prese la strada più lunga in modo di accontentare tutti coloro che lo stavano osservando.

E con una virata altissima sopra le nuvole superò le montagne arrivando finalmente in una radura dove c’era una capanna in legno molto bella .
Ogni pezzo di legno era numerato con una serie di numeri fluorescenti chissà cosa sarebbero serviti.
Astro era arrivato alla casa del Mago delle ore felici.
Era arrivato alla porta quando una voce , disse vieni ti aspettavo , non avere timore , Astro che era un gatto molto educato entrava in modo molto gentile e silenzioso , appena dentro si trovò una giovane ragazza dai lunghi capelli biondi , rimase a bocca aperta .
La ragazza dai lunghi capelli , gli disse vieni avanti ti stavo aspettando, Astro aveva più punti di domanda che scendevano dalle sue orecchie e disse ma io mi sa che ho sbagliato , stavo cercando il mago delle ore felici , non sai dove posso trovarlo ?
Astro lo hai davanti a te , sono io il Mago delle ore felici , ma io mi aspettavo un mago con i capelli bianchi dalla folta chioma e dalla lunga barba bianca.
Il mago delle ore felici , si mise a ridere , Astro sei proprio un pasticcione , so tutto e so che sei stato ingannato , ma non è colpa tua , però ora solo tu puoi ripristinare il corso del fiume infinito.
E devi fare davvero presto perché non c’è molto tempo , il futuro del mondo è nelle tue mani .
Astro , ascolta bene il malvagio ha nelle sue mani l’ampolla magica di vetro che racchiude l’ingranaggio del fiume .
Questo ingranaggio è custodito nel fondo della terra , c’è solo una possibilità per rompere il vetro e ripristinare l’ingranaggio , dovrai raccogliere il fiore del soffio di luce (soffione) e gettarlo nel punto che hai visto sparire l’ingranaggio , successivamente l’ingranaggio te lo ritroverai in mano e dovrai correre la dove il fiume ha il salto più alto e gettarlo nel fiume così potrai salvare il fiume , il tuo mondo e il mondo della fantasia.
Fai presto Astro corri , Astro aveva un sacco di domande da fare al mago ma finito questo piccolo discorso , il mago svanì con la sua casetta di legno e si ritrovò con il suo fedele compagno Chicco in questo prato , con mille dubbi e domande che lo assillavano e che forse solo la fortuna poteva dare la forza per terminare il suo compito.
Astro era rimasto un po’ deluso perché pensava di avere più risposte , ma il fedele Chicco si avvicinò e gli disse Astro non abbatterti mai perché hai un compito importante e poi un amico che ti sta al fianco e ti potrà dare una mano .
Astro rinfrancato decise di fermarsi sulla radura riposando in una piccola grotta accogliente , era stata una giornata molto impegnativa e dura per tutti e due e anche per il mondo della fantasia.
Chicco era felice del suo amico , poi ad un tratto vide Astro fuori la grotta che stava osservando il cielo , chissà cosa stava pensando è bello vedere Astro mentre guarda il cielo e le sue stelle perché si riempie della loro luce , e Chicco che era un suo amico non voleva rovinare questo momento tornò senza disturbare nella grotta , poi finalmente dopo qualche ora Astro era colto dalla stanchezza e vicino al suo amico , prese la via del riposo , mentre il cielo stellato dava presenza importante nel cielo .
Il sole era già alto quando Astro e Chicco si svegliarono.
Astro era andato a svegliare Chicco che era ancora nel mondo dei sogni , dicendo forza Chicco oggi è il giorno in cui cancelleremo il nostro brutto sogno.
Si ! Chicco aveva capito che Astro era molto ispirato e quindi via , dovevano subito tornare vicino al fiume infinito .
Ma come fare il fenicottero era già lontano , allora Astro stava pensando , mmmh si certo che si può , Astro aveva visto che si aggirarono molti nubi nella radura , ma cosa fai disse Chicco , semplice fermo una nuvola che ci porterà vicino al fiume infinito , così Astro alzò le braccia simulando il volo del fenicottero , una nuvola si abbassò e Astro e Chicco salironoi , Chicco era rimasto davvero impressionato dalla determinazione di Astro, ma Astro come farai guidare la nuvole verso il fiume infinito ?
Aspetta e vedrai , una volta saliti , Astro disse :
“ forza Nuvola delle meraviglie tu che conosci il cielo e le stelle portaci subito verso il fiume” , la nuvola senza nessun problema portò Astro in pochissimi istanti dove voleva essere.
Chicco era rimasto di sasso , ma Astro era anche questo.
Con velocità supersonica la nuvola arrivò nei pressi del fiume e fece scendere i nostri amici , vi chiedete come Astro salutò e ringrazio la nuvola ?
Astro prese della polvere colorata rossa , e fece una bolla di sapone enorme verso la nuvola , la bolla arrivò nei pressi della nuvola e scoppiò colorando la nuvola di rosso.
Ecco ora sei una nuvola molto speciale , l’Astro –nuvola , la più speciale di tutte le nuvole , Astro era riuscito a fare felice anche una nuvola .
La nuvola lo salutò grazie Astro , sei davvero il gatto più speciale del mondo.
Chicco sorrideva e diceva tra se , si è davvero cosi.
Ora erano nelle vicinanze dl fiume infinito , si doveva seguire le indicazioni del mago delle ore felici , e Astro doveva trovare il fiore del soffio di luce ma in realtà cos’era questo fiore , forza Chicco dobbiamo trovare un fiore non sarà mica a così difficile ? no ?
Ma niente da fare c’erano dei fiori ma non erano quelli che forse interessavano , e se il mago intendeva qualcosa d’altro ? e se il fiore era un modo di dire , c’erano davvero tanti dubbi , Astro disse Chicco dobbiamo pensare bene cosa stiamo cercando.
Per pensare Astro amava distendersi sul prato e guardare le nuvole che passano , oppure faceva un suo dei suoi giochi preferiti.
Sempre sdraiato sul prato , prendeva un soffione lo faceva ruotare con la bocca finche tutti i suoi semi si liberavano verso il cielo e poi stava li aspettare che gli scendessero sul muso.
E così fece ne prese uno , poi un altro finche il terzo lo ruotò verso il sole e con l’effetto della luce del sole sembrava quasi una pioggia di luce.
Chicco !!!!! urlò forse ho trovato.
Ecco ho trovato il fiore dal soffio di luce , è il soffione , guarda se lo indirizzi verso il sole hai l’effetto di una pioggia di luce , forse è davvero questo.
Chicco era felice , grande idea Astro , qui è pieno di soffioni , nel prendiamo uno e proviamo cercare il punto che abbiamo lasciato l’ampolla.
E così i nostri amici si avvicinarono al punto dove avevano visto l’ampolla sparire , e Chicco subito , ma Astro hai una idea di come gettare il soffione in quel punto , in fondo è lontano non riusciremo ad arrivarci .
Non temere Chicco , e prese subito un soffione e con un soffio molto deciso e l’aiuto del soffio del vento e della voglia di riuscire nella sua impresa , soffiò i semi portanti dal vento piano raggiunsero il punto .
Ad un certo punto si vide un piccolo mulinello d’acqua nel fiume e comparse l’ampolla , Astro stese la sua zampa come aveva detto il mago delle ore felici , e gli comparse sulla zampa l’ingranaggio .
Si stava compiendo la profezia del mago delle ore felici , e subito con Chicco corsero verso la parte più alta del fiume , dove si poteva immaginare che il salto potesse essere più alto , Astro ebbe dei dubbi e se sbaglio punto cosa succederà , ma Astro ha dalla sua parte anche la natura , passò di li il fenicottero rosa e con un cenno del becco disse Vai Astro , sei sul punto giusto e Astro dopo un respiro profondo gettò l’ingranaggio , era esausto dalla responsabilità di quel gesto si mise sul bordo del fiume .
Come l’ingranaggio tocco il fiume l’acqua riprese a correre verso il senso della corrente .
Il fiume sembrava risvegliato dal sogno malefico , si poteva percepire che il cristallo si era rotto e che ora la vita stava riprendendo , in quel preciso momento accadde una cosa straordinaria , il sole che era alto si abbassò all’altezza della Luna e per qualche istante sole, luna e stelle stavano nello stesso spazio e tempo , Astro non capiva , finche una mano accarezzo la tua testa , era il mago delle ore felici .
Vedi Astro quello che tu stai vedendo è il segno che il fiume infinito ha ripreso il suo normale corso , il tuo mondo e il mondo della fantasia sono salvi , grazie al tuo intervento.
Ti sono grato e ho un piccolo regalo per te , tieni questa collana con un piccolo amuleto , se ascolterai il cuore e con l’aiuto dell’amuleto potrai fermare il tempo quando lo vorrai , con questo amuleto sei diventato il guardiano del tempo, è un riconoscimento molto importante ne devi essere fiero.
Grazie Mago , per l’importante riconoscimento , sarò fiero di questo incarico.
Il mago salutò Astro e Chicco e scomparve dove nuvole si confondono con il cielo.
Astro e Chicco ripresero i loro giochi nella felicità dei pomeriggi passati insieme.
L’amicizia è davvero bella e non deve avere perché , ma solo momenti di intesa , la spontaneità è il carburante.
Un giorno mentre Astro e Chicco stavano giocando al fiume , videro da lontano una figura di un bimbo , sembrava quasi un bimbo che si era perso.
Andarono da lui , si era perso , abitava oltre la collina e si era addentrato verso il fiume perché aveva semplicemente fame.
Astro e Chicco lo portarono nella loro casa e dopo che lo avevano tranquillizzato e ristorato , videro questo bimbo molto più felice con la pancia piena.
Il bimbo era davvero grato ai suoi nuovi amici , Astro gli chiese ma come puoi avere così fame , i tuoi genitori non ti preparano il cibo , lui rispose purtroppo sono sempre indaffarati e vivono la loro vita in modo veloce e alcune volte tralasciano qualcosa , ma gli voglio davvero tanto bene.
Astro fu colpito da quel bimbo , chiamò Chicco .
Chicco voglio fare qualcosa di importante in modo che quello che abbiamo visto non accada mai più , userò l’amuleto.
Ma come Astro ?
Non ti preoccupare ho una idea.
Astro prese l’amuleto nella sua zampa e agitandolo verso il cielo , il tempo si fermò improvvisamente .
Chiamò a se il fenicottero e gli disse di portare a lui un pezzetto di nuvola di quella più alta , vicino al sole.
Il fenicottero , prese la via delle nuvole e dopo qualche minuto tornò con il pezzettino di nuvola , Chicco era curioso , ma cosa stai facendo Astro.
Aspetta , vicino al fiume infinito c’era un prato , non grandissimo ma un bel prato , scavò con le sue zampe una buca e mise dentro il pezzetto di nuvola.
Guarda ora cosa succede Chicco , Astro agitò ancora il suo amuleto e il tempo si sbloccò e con esso tutta la potenza e la meraviglia del sole in poco tempo crebbe una pianta molto grande , e sbocciarono i fiori e i frutti sembravano quasi delle piccole nuvole , Astro disse Chicco ora prendine uno e assaggialo , ma Astro come posso assaggiare una nuvola , si avvicinò e assaggiò quel misterioso frutto .
Ma caspita è molto buono e cosa è questo frutto ? Lo chiameremo il pane delle nuvole.
Questo pane crescerà all’infinito e ogni pianta sfamerà anche i posti più poveri della terra .
Va bene ma Astro come farai a portare questo frutto ? Nascerà da solo , guarda cosa succede ancora.
Astro per la seconda volta fermò il tempo agitando ancora l’amuleto .
Chiamò a se tutti i fenicotteri rosa e ognuno portò un pezzetto di nuvola fino a raccogliere migliaia di pezzetti.
Poi Chiamò Antares la sua stella preferita e chiese a lei una magia , Antares chiese all’arcobaleno più bello di fare da elastico e con la potenza della stella più bella si compì uno dei regali più belli di Astro.
Vennero gettati verso il cielo questi migliaia di pezzetti e caddero sparsi in tutti i paesi della terra .
Astro sbloccò il tempo con il suo amuleto , e in tutta la terra crebbe il pan di nuvola, in questo modo Astro che aveva molta fantasia ed era molto coraggioso , riuscì a sconfiggere uno dei mali più brutti dei nostri tempi quello della fame.
Questo grazie al sorriso del bimbo che aveva prodotto tutta questa meraviglia.
Chicco si fermò un attimo e disse Astro hai fatto una grande cosa , ora cosa farai ?
Ho una idea , vuoi seguirmi ?
Certo amico , e allora Astro e Chicco senza pensarci , si misero nel punto dove il salto era più alto e si gettarono insieme nel fiume infinito .
Il fiume infinito , non era un fiume vero ma era un veicolo del tempo e Astro lo aveva capito e aveva capito i suoi meccanismi e secondo il suo modo di pensare e anche per l’incarico che aveva ricevuto di essere il guardiano del tempo , aveva avuto anche la conoscenza di viaggiare nel tempo .
Chicco si era fidato e una volta toccato l’acqua , la loro destinazione in realtà era un desiderio di Astro
Che lo porterà nella terra dei sorrisi e da li ogni tanto con il suo amuleto fermerà il tempo soltanto per vedere più a lungo i tramonti e le stelle le sue preferite.
E Chicco , il suo amico che ammirava Astro , doveva sempre rimanere al suo fianco anche perché Chicco in realtà era soltanto la proiezione della volontà di Antares che era la sua stella preferita.
Io che sto’ scrivendo questa storia ho una piccola domanda per Astro.
Ma Astro perché hai fatto questa meraviglia per il mondo ?
Astro mi ha sorriso !
Grazie Astro sei davvero il più bel gatto del mondo.


Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 thoughts on “The Endless River – Italian