The Endless River part 14 – Astro e il pianeta del piccolo principe – Italian


Dedica :
Un fiore è più importante di una galassia ? Nel fiume infinito è così.
Diventa magico perché la sua natura è incredibilmente bella, ma se diventa triste è molto vulnerabile come una goccia d’acqua.

Era notte al fiume infinito era una calda e tranquilla notte di estate , Astro come solito stava fuori a vedere il cielo con le sue stelle.
Il vento del pomeriggio aveva spazzato via le ultime nuvole e aveva fatto prima della sera un gioco di striature nel cielo che andavano dal rosa , all’arancio e giallo scuro .
Questi colori hanno potuto rendere speciale e molto diverso il tramonto nel fiume infinito , visto che i riflessi del fiume stesso davano la sensazione che il cielo e il fiume in fondo erano una cosa unica.
Dopo il tramonto l’imbrunire e la luce scura della notte avanzava come un onda spinta da un sasso nello stagno dell’universo.
Ma un rumore aveva distratto Astro.
Era un lamento , sentiva le lacrime , il fiume del dolore , qualche sospiro .
Prese il suo potente cannocchiale e cercò di vedere se poteva capire dove arrivasse quel rumore.
Cercando e scrutando il cielo vide una figura piccola a capo chino che stava piangendo.
Il pianeta era molto piccolo e molto lontano.
Ma aveva tracciato una riga sul terreno per ricordarsi la direzione per trovare il pianeta il giorno dopo.
La sera dopo sentendo ancora i rumori delle lacrime guardò in direzione della riga e vide ancora questa figura piccola , però ora vedeva anche un piccolo fiore vicino a lui .
Astro disse a Chicco , forse su un piccolo pianeta c’è qualcuno infelice , andiamo a vedere cosa succede ?
Certo Astro però andiamo alla biblioteca delle stelle con le coordinate arriveremo prima.
È così Astro , Chicco e Tiffy partirono per la biblioteca , però prima di partire Astro disse Tiffy prendi le foglie dell’albero della conoscenza , sono molto resistenti e leggere con una goccia di resina della pianta si mise questa protezione .
Si amici perché le ali di Tiffy sono speciali , ma molto delicate e ha bisogno di questo per i viaggi nello spazio.
La biblioteca delle stelle è sempre un posto speciale , Tiffy rimane affascinata dalla luce misteriosa , dalla bellezza degli scaffali , dall’ordine sebbene , non ci sia un custode.
È proprio un posto speciale , e Astro ora mai entra come padrone di casa , si arrampica su uno scaffale per arrivare al cassetto giusto , ed ecco le coordinate per arrivare nel piccolo pianeta dove si sente il lamento.
Arrivati non vedono nessuno, cercano , il pianeta era davvero piccolo forse in un ora avrebbero fatto il giro dello stesso.
Poi vedono un piccolo prato vicino ad un piccolo ruscello , e vedono anche un fiore, una rosa che riflette la sua luce a intermittenza , quasi come una stella , si piega quasi sul suo gambo , sembra quasi stanca.
I nostri amici si avvicinano in modo delicato, quasi per non disturbarla.
Povera rosa è proprio giù !
Tiffy si avvicina alla rosa , fino ad arrivare al suo fiore e si posa sopra con leggerezza mantenendo le sue ali in movimento per non pesarsi sulla rosa.
Tiffy la guarda , e gli dice buongiorno rosa e gli mostra un bel sorriso , la rosa sembra felice di vedere qualcuno .
Buongiorno Farfalla , sono felice di vedere qualcuno, capisco che vorresti chiedermi tanto.
Io sono la rosa del piccolo principe, ma sono tanto debole e tanto malata.
Tiffy allora si sposta lo vicino in modo di non affaticare la rosa, ma perché sei in questo stato ?
Non lo so , capisco soltanto che giorno dopo giorno divento sempre più debole e non riesco a irradiare la mia luce.
Astro si avvicina alla rosa , e la rosa buon giorno guardiano delle stelle.
Astro la guarda con stupore e come fai a conoscere il mio nome ?
Facile io come rosa del piccolo principe riesco la leggere e capire il linguaggio delle stelle , e ricordo che sei molto famoso .
Ma dimmi Rosa ma io ho sentito un lamento dei pianti da questo pianeta .
Non è il mio lamento io sono diventata triste improvvisamente ma non so per quale motivo, il lamento che senti è il piccolo principe, lui mi vorrebbe felice ma sono tanto triste e lui piange e si lamenta.
Ma ora non lo so , e per attirare la sua attenzione ho lanciato un petalo tra lui e me e il suo lamento è stato imprigionato e riflesso nel intero universo.
Io non so dove sia Astro puoi trovare per me il piccolo principe ?
Ma riusciremo rispose Astro ?
Beh ho chiesto aiuto al custode delle stelle, lui può in imprese che nessun altro può.
Va bene Rosa io e i miei amici siamo felici di poterti aiutare.
Ma ci racconti un po’ del piccolo principe così lo conosciamo meglio ?
Va bene , il piccolo principe è davvero speciale per me , mi cura , mi parla mi fa ridere, mi fa molto ridere , mi rende felice per la sua semplicità , per il suo modo di fare e soprattutto mi vuole bene senza nulla in cambio , vuole solo la mia felicità e i miei sorrisi.
Si meraviglia di ogni cosa che accade , tutto anche la cosa più semplice diventa straordinaria , ama l’avventura, ma ama anche il suo piccolo pianeta e la sua rosa.
La rosa di ferma , fa un sospiro , ti manca molto disse Astro ? Si Astro molto.
Il piccolo principe ama guardare il cielo e le stelle e sorride ad ognuna di loro la sera e le saluta , poi cerca di contarle ma perde sempre il conto , ma non si arrabbia perché dice sempre che il numero delle stelle è davvero inutile e sciocco perché non definisce la loro bellezza .
Allora conta soltanto quelle con il raggio più bello , ma per non deludere le altre avviene una cosa straordinaria , alza il dito verso il cielo fa un grande cerchio chiude gli occhi e manda un sorriso a tutte le stelle comprese nel cerchio.
Il piccolo principe è molto piccolo , ma buffo e divertente , si specchia nelle pozze d’acqua e ride , perché dice sempre , ma che buffa la figura nell’acqua sembra un clown che assomiglia a me e mi chiede di ridere per lui .
Astro stava ascoltando attentamente catturato dal racconto della rosa , assomigliava molto a lui.
La rosa riprese , il piccolo principe una volta mi disse , un giorno costruirò il sogno più bello , nello stesso attimo farò sognare tutti una palla con i colori dell’arcobaleno, questa palla verrà scagliata con forza verso il cielo in modo che un desiderio Sarà esaudito.
Spesso mi diceva , Rosa sapessi come le tue spine sono piccole rispetto la crudeltà, ma io non capivo.
Alcuni uomini , alcune persone pensano di avere il potere sugli altri e giocano con la vita delle persone , perché sono così ?
Un giorno mi disse di essere andato in un pianeta strano ,dove gli abitanti erano indaffarati a cercare di guadagnare tanto denaro , sacrificando tutto.
Si avvicinò ad un abitante gli chiese ma perché vuoi guadagnare così tanto?
Che domanda sciocca ,ma per avere la possibilità di comprare quello che vuoi !
Con tanto denaro puoi comprare davvero tutto quello che vuoi !!
Il piccolo principe riprese posso comprare un tramonto ?
Certo che no , e allora cosa mi serve così tutto questo denaro !!!
E se ne andò.
Ma dimmi Rosa il piccolo principe è davvero straordinario hai voglia di raccontarmi ancora di lui ?
Certo , un giorno era molto preoccupato per me , c’era il vento e temeva per me , per ripararmi fece una cosa straordinaria si mise sopra la collina che vedete davanti e chiamò il vento a lui , mise una mano davanti a lui e accarezzò il vento per qualche minuto fino a che perse di potenza e divenne soltanto brezza fresca che mi rinfresco dalla giornata calda.
Il piccolo principe rende felici tante creature , la volpe sua amica straordinaria.
L’asino saggio dice di lui che in realtà non è così saggio, ma la sua bellezza unica può far cambiare molte cose in senso positivo.
Ricordo che una notte il piccolo principe era a guardare il cielo mentre il lupo della notte lo stava per assalire , il sorriso del piccolo principe conquistò il lupo della notte e diventarono amici.
La rosa era affascinata nel raccontare le avventure del piccolo principe era un fiume in piena e riprese ancora Astro stava ascoltando con attenzione, non voleva perdersi nulla di ciò che poteva essere raccontato.
Un giorno la rosa sospirando gli chiesi , ma qual’e il tuo segreto per essere così , lui rispose oggi sono qui , ma domani potrei non esserci , ma se tu sorriderai verso una stella , capirai che potrei essere ovunque.
Io sorrido spesso alla mia stella.
Astro fermò la Rosa, ma tu conosci il nome della stella preferita del piccolo principe ?
Si un giorno me lo raccontò, si tratta di Antares!!!
Astro divenne rosso , ho capito , disse la rosa !!!
Ma non ti preoccupare Astro, tu sei il custode delle stelle e per Antares sei il preferito.
Antares è lusingata dal fatto che il piccolo principe abbia la sua stima , ma lei ha a cuore il custode delle stelle.
Astro non sapeva cosa dire.
Ma i suoi silenzi venivano riempiti dalle parole della rosa.
Un giorno il piccolo principe prese in simpatia un piccolo orsetto dagli occhi davvero magici .
Questo orsetto leggeva i desideri nella mente di chiunque e faceva apparire reali i loro desideri.
L’orsetto lesse la sua mente e fece apparire un grande fungo , questo doveva servire per riparare la sua rosa dalla pioggia .
Astro fermò il racconto della rosa e disse Rosa voglio aiutarti , ma dobbiamo trovare il piccolo principe, forse è andato a cercare il tuo sorriso!!!!
Forse hai ragione tu !
Certo dove meglio cercarlo che nella terra dei sorrisi ?
forse si trova lì !
Astro prese il suo super cannocchiale, e costruì con pazienza un piccolo specchio supplementare con della polvere di oro e il soffio delle stelle .
Questa lente permetteva di vedere più lontano e finalmente ebbe la conferma , il lamento proveniva dalla terra dei sorrisi.
La rosa era ormai debolissima e augurò ad Astro buona fortuna e Astro rispose Rosa io sono certo che ti porterò il piccolo principe e lui ti farà sorridere e diventare più bella di sempre.
La rosa disse , Antares aveva ragione a dire che sei davvero speciale , tutto quello che fai anche se difficile è naturalmente facile !
Grazie Astro.
È così Astro e i nostri amici , tramite la biblioteca delle stelle viaggiarono fino ad arrivare al pianeta del sorriso.
Il pianeta era davvero meraviglioso , le piante erano a forma di mezza luna quasi come il sorriso , i fiori talmente tanti belli e colorati che si perdevano nell’orrizonte si sentiva la pace di un posto felice , gli animali avanzavano nei piccoli sentieri con grazia quasi per non disturbare la meraviglia della natura, ma ad un tratto un lamento è un pianto rompeva questa atmosfera felice.
I nostri amici si avvicinano seguendo il lamento e su un piccolo ponte di legno videro il piccolo principe piangere.
Astro chiese agli amici di attendere li , e si avvicinò .
Buongiorno piccolo principe , Astro allunga la sua zampa verso il piccolo principe, lui con occhi pieni di lacrime afferra stretto la sua zampa , e tu chi sei ?
Sono Astro il custode delle stelle , la rosa mi ha mandato a cercarti perché ti vuole vicino.
Sono disperato Astro , la rosa è malata e forse non sarà più quella di prima e non so per quale motivo e le lacrime scorrevano senza sosta .
Piccolo Principe, devi portare il tuo sorriso alla Rosa , lei è in pensiero per te non puoi deluderla.
Ma in quel momento stava succedendo qualcosa di straordinario, Astro stava guardando il piccolo principe così anche lui e in quel preciso momento un raggio di Antares scese ad anello su Astro e il piccolo principe , quasi come per un abbraccio unico !
Chicco e Tiffy stavano guardando !
Poi una luce intensa e tutto tornò come prima.
Astro disse , basta lacrime , la tua rosa ha bisogno di te !!!
Antares ci ha fatto capire che serve partire subito !!!
Hai ragione Astro, grazie amico è da quel momento Il piccolo principe divenne amico di Astro .
Astro che era sul ponticello di legno , vide una grossa libellula dalle ali verdi e azzurre per vedere dove andava scivolò e cadde nel piccolo ruscello sottostante.
Il piccolo principe incominciò a ridere , come sei buffo Astro e tutti scoppiarono in una bella risata.
Era bello vedere il piccolo principe ridere , i suoi capelli biondi riflettevano tutti i colori del pianeta del sorriso.
Astro di era appena alzato dal ruscello quando Tiffy !
Astro Astro guardati dietro fai attenzione , lui si girò di scatto e fece un’altra caduta nel ruscello .
Era uno scherzo di Tiffy !!!
Tiffy se ti prendo vedi !! E via altre risate.
Ora andiamo tutti , la rosa ci sta aspettando !
Il piccolo principe prese una manciata di sabbia del pianeta dei sorrisi la lancio in aria e caddero dei fiocchi di neve .
No Astro non sono fiocchi di neve sono delle piccole nuvole , si chiamano le nuvole della fortuna e della felicità , chi le tocca avrà questo dono nel cuore per sempre.
Questo era il grande regalo ad Astro , i suoi amici e il pianeta del sorriso , visto che la nevicata era abbondante e aveva toccato tutti .
Astro stava per dire andiamo quando il piccolo principe disse Astro e amici venite andiamo dalla rosa e come Astro disse.
Due nuvole si scontrarono è un fulmine scese verso loro , il piccolo principe come il fulmine toccò terra lo fermò con un cenno della mano.
Ecco salite , io di solito mi muovo così e sorrise , i nostri amici salirono sul fulmine e in pochi secondi si trovarono vicino alla rosa.
Era bello vedere ridere il piccolo principe, non si sa cosa era successo , forse la simpatia di Astro, oppure Astro può magie molto grandi , il fatto è che il piccolo principe era molto determinato nell’andare dalla sua rosa.
È così arrivarono dalla Rosa , lei fu felice di vedere il piccolo principe , ma la tristezza gli rimase , il piccolo principe non capiva e gli chiede ma perché sei così triste e lei la rosa disse , non so ma c’è qualcosa che frena la mia felicità.
Ma ora mai era sera e i nostri amici vollero rimanere vicino alla rosa per cui costruirono una piccola capanna. Con dei legni trovati li vicino .
Astro disse rosa stai tranquilla noi saremo qui tutta notte per te !
La rosa , disse grazie , ma spero al più presto che la tristezza lasci il posto alla felicità.
Povera rosa non è bello vedere una rosa con il fiore che guarda basso , ma io penso che questa è una notte speciale vediamo amici cosa sta per accadere .
Avevano costruito una piccola capanna con dei tronchi e delle sterpaglie , ma era ora mai sera , Chicco aveva sonno , Tiffy era molto stanca .
Astro e il piccolo principe fuori ad ammirare le stelle insieme , il piccolo principe chiese ad Astro ma anche tu ami le stelle ?
Astro rispose si , e le hai mai contate , Astro rise di gusto , certo che sì ma non serve a nulla contarle perché non potrai mai dire quale è la più bella o la più importante !
Vero Astro anche io la penso così , credo anche che i nostri respiri possano influenzare la luce delle stelle.
Guarda, Astro era assorto dal piccolo principe , che si mise su una roccia chiuse gli occhi e si mise a respirare lentamente , poi alzò davanti a lui le braccia come se tenesse una grande palla davanti a lui.
Le stelle quelle più vicine iniziarono a illuminarsi di più e a brillare in modo vorticoso .
Poi ritornò verso Astro e disse , vedi Astro io non le conto ma le abbraccio tutte !!!!
Grazie piccolo principe sei davvero straordinario, ma guarda che strano , guarda la tua rosa che bella che è specialmente quando è illuminata dai raggi di luna, guarda sembra felice , non era così pomeriggio, cosa può essere cambiato ?
Ma ad un tratto i raggi si interrompono e prendono un’altra direzione, Astro osserva in silenzio cosa accade ! Poi con un gran miagolio ecco il perché !!!
Piccolo principe la tua rosa è triste perché i raggi di luna non la illuminano per tutta la notte , Astro hai ragione evviva , ma cosa possiamo fare per cambiare le cose ?
Dobbiamo salire sulla luna , ma andrò io e Tiffy , tu resta con la rosa ha bisogno di te !
Va bene Astro e grazie per quello che stai facendo.
Cosi Tiffy e Astro presero la strada del raggio di luna , è un piccolo sentiero che porta direttamente sulla luna .
Scopre che la luna ha un calo di energia perché non sorride molto.
E quindi i suoi raggi cercano costantemente dei sorrisi ecco perché lasciano la rosa senza la sua luce.
Astro che oltre che essere un gatto molto affabile e un gran burlone , racconta una storia divertente alla luna che ride talmente tanto che diventa più brillante e illumina e tiene compagnia alla rosa del piccolo principe .
Poi Tiffy chiede ma Astro cosa hai raccontato alla luna, Astro ride e non dice nulla poi si avvicina alla rosa e dietro a lei disegna su una pietra con le sue affilate unghie il suo naso e i suoi baffi.
Così la luna guarda la rosa è la illumina perché vuole vedere i simpatici baffi di Astro
Il piccolo principe ora lacrima , ma dalla gioia la sua rosa inizia subito a stare meglio.
Ora riflette la luce della luna e diventa il fiore più bello dell’universo.
Il piccolo principe diventa amico di Astro e gli dona il suo mantello magico che fa vedere la realtà come è veramente nella sua meravigliosa bellezza.
Astro è davvero emozionato, ma prima di tornare a casa, vuole salutare la rosa personalmente.
Si avvicina e la rosa , grazie custode delle stelle Antares deve essere fiera di te !
Astro si avvicina alla rosa con il suo muso e arriva fino a toccarla con il suo naso , ora chiudi gli occhi Astro e Astro vide ad occhi chiusi il riflesso della luce della stella preferita.
Questo era il grande regalo della rosa , quando apri gli occhi la rosa riprese e disse vedi Astro come è bella la tua stella ti ha appena salutato e io che sono la rosa che governa le galassie ordino alle galassie più importanti che un giorno all’anno a partire da oggi nasca una nuova rosa di un colore diverso per festeggiare Astro è così li vicino nacque una rosa bianca con i riflessi blu e la luce delle stelle.
Astro era felice e salutò la rosa e il piccolo principe e con i suoi amici tornarono al fiume infinito , mentre le galassie tutte fecero con la loro luce un grande arcobaleno che si tuffava nel fiume infinito che scorreva lento nella notte speciale della rosa .

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *